Passa ai contenuti principali

Come scoprire un localizzatore nascosto sotto ad un veicolo.

I pedinamenti 'a vista', cioè a breve distanza e senza supporto tecnologico GPS, sono diventati una rarità. 

Gli spostamenti di un veicolo si controllano quasi sempre tramite un localizzatore GPS. Non a caso i localizzatori pedinatori magnetici specifici per indagini sono le tecnologie investigative più gettonate. Vediamo come scoprire facilmente un localizzatore magnetico investigativo nascosto sotto al veicolo, quindi all'esterno. 

Qui non tratteremo la ricerca all'interno del veicolo, che può essere decisamente più complessa soprattutto se l'installazione è stata fatta da esperti con apparati professionali.

L'applicazione di un localizzatore satellitare GPS sotto ad un veicolo è un'operazione facile anche per inesperti. Il localizzatore viene appoggiato in pochi secondi ad una parte metallica del veicolo, sfruttando le calamite presenti del corpo dell'apparato. Ma proprio da qui parte la buona notizia per chi vuole scoprire se c'è un controllo GPS investigativo in corso: per trovare un localizzatore nascosto all'esterno di un veicolo non ci vogliono costosi rilevatori di microspie (peraltro poco efficaci negli autoveicoli) nè strani set di specchi. Un po' di fai da te è quasi sempre sufficiente.

Procuriamoci una torcia, parcheggiamo il veicolo in un punto pianeggiante, tiriamo il freno a mano e aspettiamo 30-40 minuti per far raffreddare marmitta e motore. Distendiamoci a terra e guardiamo sotto al veicolo. Iniziamo dall'area posteriore, che è la preferita per collocare un localizzatore. Ma diamo un'occhiata anche nell'area centrale e anteriore, in particolare nella scocca attorno al motore. L'obiettivo è cercare una scatola plastica oppure un corpo irregolare avvolto con guaina termorestringente (vedere esempi a fondo pagina). In altri casi l'apparato potrebbe essere protetto con pellicola plastica, sacchetto di plastica e nastro adesivo. Le normali dimensioni dei pedinatori GPS investigativi sono di circa 10-12 cm. di lunghezza, 7-10 cm. di larghezza e 2,5-4 cm. di spessore. Quindi dimensioni tutt'altro che miniaturizzate e che ben difficilmente passano inosservate.

Ma se non vi sentite sicuri basta andare da qualsiasi meccanico per fargli ispezionare il sottoscocca. Chiediamogli di guardare negli anfratti, nella parte nascosta dei longheroni, nell'area paraurti posteriore, nell'area retro fanalerie posteriori, nei punti coperti da rivestimenti plastici, carenature, modanature e scatolature della carrozzeria. I tempi sono di 15-30 minuti. Il rischio che un localizzatore magnetico passi inosservato ad un meccanico è molto ridotto e dipende dalle dimensioni dell'apparato. Considerando che la stragrande maggioranza dei localizzatori magnetici investigativi in circolazione sono più o meno come nelle foto a fondo pagina, un meccanico può fare un'ottima verifica in almeno il 90-95% dei casi. 

In commercio ci sono anche pedinatori ultrapiccoli. Sono più insidiosi perchè possono avere dimensioni intorno ai 3x3 cm. o poco più. Quindi possono essere infilati negli angoli più remoti, ben nascosti dalle profilature plastiche e dalle scatolature metalliche del veicolo. Tuttavia gli ultrapiccoli low-cost cinesi hanno autonomie talmente ridotte e prestazioni talmente modeste da rappresentare un rischio raro e marginale. Mentre gli ultrapiccoli professionali possono avere autonomie di alcuni giorni e prestazioni affidabili, ma sono prodotti di nicchia poco diffusi e più costosi della media.


Scopri i nostri servizi tecnici, informatici e di difesa elettronica. Vedi...


Localizzatore ultrapiccolo No SIM anonimo. Protegge l'identità dell'utilizzatore se viene scoperto. Può essere nascosto negli angoli più remoti. Vedi...

Localizzatore compatto No SIM anonimo. Protegge l'identità dell'utilizzatore se viene scoperto. Nonostante le piccole dimensioni può raggiungere un mese di autonomia in effettivo utilizzo quotidiano. Vedi...


Che aspetto possono avere i localizzatori satellitari magnetici commerciali più diffusi?
Commerciale professionale media autonomia.




Commerciale cinese media autonomia.



Commerciale cinese media autonomia.




Commerciale professionale bassa autonomia.




Commerciale cinese media autonomia



Commerciale cinese bassa autonomia con pulsante SOS



Commerciale professionale lunga autonomia




Commerciale professionale lunga autonomia




Commerciale cinese media autonomia




Post popolari in questo blog

Cosa possono fare le agenzie investigative in Italia?

Un investigatore privato può compiere delle attività che sarebbero lecite anche se fossero compiute da un normale cittadino. L'investigatore privato non può perquisire persone e luoghi, intercettare comunicazioni riservate, acquisire dati coperti da privacy, accedere ad ambienti privati senza il consenso del titolare del luogo. Mentre l'investigatore privato può pedinare e appostarsi in luogo pubblico, scattare foto in luogo pubblico, raccogliere informazioni da banche dati pubbliche, accedere ad ambienti privati con il consenso del titolare del luogo e svolgere altre attività che, di per sè, non concretizzerebbero ipotesi di reato anche se fossero compiute da un normale cittadino (fonte e approfondimenti:  La Legge per Tutti ). Quindi quali sono le differenze giuridiche fra un investigatore privato e un normale cittadino?  La principale differenza giuridica sta nel fatto che un investigatore privato, in virtù della licenza rilasciata dal Prefetto ex art. 134 TULPS e DM 269/201

Trojan di Stato o captatori informatici installati a distanza. Come funzionano?

Dopo il caso Palamara del 2019 sono sorte curiosità sui Trojan di Stato (detti anche 'captatori informatici' ) introdotti dal DL 216/2017. In particolare ci si chiede se siano davvero installabili a distanza in un cellulare senza che l'utente se ne accorga. L'installazione a distanza di un Trojan non è impossibile. Ma non è neppure una prassi comune. Diciamo subito che stiamo parlando di strumenti concepiti per gli enti di intelligence. Quindi nulla a che vedere con le App Spyphone commerciali. Il primo passo per tentare l'inoculazione del Trojan consiste nello studio a distanza del cellulare target allo scopo di individuare delle vulnerabilità. Parliamo di falle nella sicurezza del sistema operativo (o delle App già installate nel cellulare) sfruttabili per tentare l'inoculazione a distanza del Trojan. Quasi in disuso sono invece le tecniche di 'social engineering'  (dette anche 'tre click' ), cioè instaurare contatti a distanza con la vittima p

Furti in auto senza scasso. Attenzione al telecomando auto.

Furti in auto senza scasso. Come fanno? Attenzione al telecomando dell'auto! Il malintenzionato si apposta ad una distanza di 5-15 metri. Appena la vittima parcheggia e scende dall'auto, il ladro attiva una potente trasmissione radio di disturbo. In pratica l'impulso radio per la chiusura delle portiere parte regolarmente dal telecomando e raggiunge regolarmente la centralina dell'auto. Ma la centralina non può 'ascoltare' l'impulso perchè è assordata da una radiotrasmissione molto più potente. Quindi le portiere dell'auto restano aperte. Complici la fretta, il rumore del traffico e l'abitudine a voltare le spalle all'auto quando ci si allontana, molti automobilisti non verificano se le portiere dell'auto si sono effettivamente chiuse dopo aver premuto il pulsante del telecomando.  Il ladro trova quindi le portiere aperte e può entrare in azione. Il fenomeno riguarda soprattutto i parcheggi di grossi supermercati e gli autogrill.  Come spesso

Cosa sono i logger satellitari GPS e perchè possono essere una valida alternativa ai localizzatori satellitari.

I logger satellitari GPS registrano nella loro memoria interna gli spostamenti del veicolo sul quale sono posizionati. Per vedere spostamenti e luoghi delle soste bisogna recuperare il logger e bisogna caricare i dati che ha memorizzato nel famoso software Google Earth. I dati sono costituiti da centinaia o migliaia di co ordinate satellitari GPS con data e ora. Quindi un logger satellitare non trasmette nulla in diretta e funziona in maniera simile ad un registratore. I logger satellitari sono considerati soluzioni obsolete. In realtà offrono importanti vantaggi rispetto ai localizzatori satellitari GPS/GSM: 1) Hanno più autonomia e minori dimensioni rispetto ai localizzatori satellitari GPS/GSM perchè sono privi di modulo radio di telefonia mobile. Un logger satellitare con dimensioni di poco superiori ad un accendino può raggiungere i 2 mesi di autonomia in utilizzo quotidiano. 2) Il funzionamento dei logger satellitari non dipende da Internet, segnali e coperture di telefonia mo