Passa ai contenuti principali

Localizzatori satellitari GPS.

Perchè in Italia hanno tanto successo?

I localizzatori satellitari GPS sono sempre più diffusi. Il primo apparato che molti citano parlando di tecnologie investigative è il localizzatore satellitare. Il primo pensiero che viene quando c'è un sospetto di essere controllati è il localizzatore satellitare.
Recentemente abbiamo sentito Mister V. Mui, sales manager di una grande azienda taiwanese specializzata nell'export di prodotti elettronici. Secondo Mr. Mui, da molti anni l'Italia è il primo acquirente europeo di localizzatori satellitari GPS.

Perché i localizzatori satellitari sono così diffusi in Italia?

Il primo aspetto è probabilmente culturale. In Italia circolano 52 milioni di veicoli, cioè quasi uno per ogni abitante. Circa 40 milioni sono autovetture. Per contro i mezzi pubblici sono scadenti e costosi. Spostarsi con un autovettura è quindi un fattore culturale ma anche una necessità. Ne consegue che il controllo degli spostamenti dell'autovettura è spesso risolutivo (o molto produttivo) in tante indagini sia private che istituzionali.

Il secondo aspetto è legale. In Italia non esiste il reato di pedinamento e numerose sentenze della Cassazione hanno sempre affermato che la privacy degli occupanti di un autoveicolo circolante su pubblica via non è protetta dall'art. 615 del C.P. Questo perché l'autoveicolo non è da considerarsi una privata dimora. Ricordiamo che l'art. 615 del C.P. tutela la privacy vietando le interferenze illecite nella vita privata delle persone, ma si applica solo nei luoghi citati nell'art. 614 cioè le private dimore. Anche il Codice di Procedura Penale conferma questa impostazione perché considera un localizzatore satellitare come 'una forma atipica e innominata di pedinamento' e non come una microspia per svolgere intercettazioni.


In Italia il principale rischio che si corre nel pedinare o nel controllare gli spostamenti di un veicolo è una denuncia per molestie art. 660 C.P. (ovviamente solo qualora si venga scoperti e solo qualora si sia arrecato realmente disturbo, disagio o paura alla persona controllata). Questo rischio non riguarda le agenzie investigative perché autorizzate al pedinamento elettronico ex DM 269/2010. Ma va anche detto che l'art. 660 è un deterrente modesto perché in caso di condanna viene spesso erogata solo una multa (importo max. 516.00 euro più spese processuali).

Il terzo aspetto è ancora una volta culturale. L'Italia sembra essere la nazione dove avvengono più tradimenti di coppia, assieme alla Thailandia (fonti "The Richest" 2014 e "Match.com" 2016). Nella stragrande maggioranza dei casi di tradimento non c'è nulla di più efficace di un localizzatore satellitare per essere nel posto giusto al momento giusto. Ed incastrare così il fedifrago o la fedifraga di turno. 

Ma non tutto gira attorno ai tradimenti. Negli ultimi tempi ad es. si sono intensificati i controlli di dipendenti scorretti, di persone che non devono avvicinarsi ad altre persone, di figli un po' inquieti e di coppie già separate che vogliono scoprire se gli ex frequentano qualcuno (es. per la revisione dell'assegno di mantenimento o per la tutela dei figli minori verso frequentazioni poco tranquillizzanti).


Electronet Modena. 

Post popolari in questo blog

Signal, potente antidoto contro le intercettazioni telefoniche.

Telefonare in modo sicuro? Non sono necessari sofisticati e costosi sistemi. Basta Signal.
Le intercettazioni telefoniche sono molto più diffuse di quanto si creda. Ci sono varie modalità per intercettare le telefonate, ad esempio: 1) App SpyPhone. Da parecchi anni è la modalità di intercettazione telefonica più diffusa. Un'App nascosta viene installata nel cellulare da controllare. Come già accennato in questo blog, le App Spyphone richiedono la disponibilità fisica del cellulare per essere installate. Le App SpyPhone più sofisticate sono anche in grado di registrare ogni telefonata e di inviare i files delle registrazioni su Cloud. 2) Intercettazioni richieste agli operatori che gestiscono le reti di telefonia fissa o mobile. In Italia le intercettazioni telefoniche devono essere autorizzate dal giudice per le indagini preliminari (GIP) con decreto motivato, su richiesta del pubblico ministero. Nei casi di urgenza è lo stesso pubblico ministero a disporre l'intercettazione con…

Coppie clandestine in tempi di Coronavirus.

Possono essere anche un rischio sanitario?

Luciano Ponzi, presidente dell'associazione italiana investigatori Federpol, recentemente intervistato dall'agenzia di stampa Adnkronos ha dichiarato: Se la maggioranza degli amori clandestini sono sospesi, c’è comunque chi non resiste al distacco fisico e sfida la sorte anche in tempi di Coronavirus“.
E' di pochi giorni fa l'episodio della ragazza ventinovenne di Rimini che si è inventata uno stupro per nascondere al marito una notte trascorsa fuori casa con l’amante pakistano. Nella zona di Roma invece è stato beccato un marito che incontrava l’amante nei pressi di un cimitero (usciti nel cuore della notte mentre la moglie di lui dormiva profondamente perché ubriaca). Per non parlare, sempre secondo Ponzi, di una coppia clandestina nell'ambiente sanitario beccata all'interno di un'ambulanza.
L’amore platonico, al giorno d’oggi, è raro come il quadrifoglio. L'emergenza Coronavirus però costringe le coppie clande…

Password reti WiFi per controllare abitudini e spostamenti.

Attenzione a fornire la password della rete WiFi. Può servire per controllare i nostri movimenti. Tutto inizia con una richiesta: 'Ho poca connessione mi posso collegare un attimo al tuo WiFi?'. Offrire l'accesso WiFi ad un ospite è ormai come offrire un bicchiere d'acqua. Chi risponde di no?  I router WiFi sono diffusissimi, non solo in ambito aziendale ma anche domestico. C'è un trucco che viene sfruttato sempre di più per controllare movimenti e abitudini di una persona tramite le reti WiFi alle quali solitamente si connette in automatico (es. casa e/o lavoro). Sono necessari quattro elementi:
1) Password della rete WiFi.
2) Marca e modello del telefonino della persona controllata.
3) Un'App comeFing Network Tools.
4) Trovarsi entro l'area di copertura della rete WiFi.Ed ecco che amici, parenti, clienti, fornitori, tecnici, manutentori, fidanzati/e, vicini, forze dell'ordine, investigatori, titolari, capi ufficio, stalker, malintenzionati e curiosi posso…