Passa ai contenuti principali

Controllare lo stato 'online' di WhatsApp.

La App Android WhatsApp Monitor 1.2.

WhatsApp non ha bisogno di presentazioni. E' semplicemente il sistema di messaggistica n.1. WhatsApp ha più volte ribadito che non vuole rimuovere lo 'stato online' dei suoi utenti. 

Ed ecco che, in un clima di legittimità dovuto alla pubblica disponibilità dello stato online, il Google Play Store si è riempito di App che promettono di monitorare automaticamente questa informazione. Ma abbiamo provato alcune di queste App trovandole delle fregature piene di pubblicità o dei servizi costosi e inaffidabili. Il nostro laboratorio di informatica ha quindi scritto la App 'WhatsApp Monitor 1.2.' Requisiti: Android min. 5.1, WhatsApp installato e cellulare dedicato esclusivamente al controllo (durante il controllo il cellulare non può essere utilizzato per svolgere altre funzioni).

Ma perchè queste App di monitoraggio dello stato online di WhatsApp sono così ricercate? A cosa può servire controllare lo stato online di un utente?

In molti casi è un tipo di controllo troppo aleatorio per poter fornire informazioni davvero utili ad una indagine. In alcuni casi tuttavia è possibile individuare molto orientativamente:

1) L'orario in cui una persona si sveglia la mattina e va a letto la sera.
2) Una certa regolarità degli 'stati online'. Ad es. qualche connessione ogni mattina o ogni sera (più o meno negli stessi orari), a volte potrebbe anche significare che la persona scambia il buongiorno e la buonanotte con qualcuno.
3) Se la persona solitamente non usa WhatsApp durante l'orario di lavoro, questo controllo in alcuni casi potrebbe fornire l'orario orientativo di uscita dal lavoro o delle pause.
4) Capire se due persone dialogano fra loro via WhatsApp: in questo caso bisogna attivare il monitoraggio contemporaneo di due diversi numeri e incrociare gli orari delle connessioni di entrambi.
5) A volte potrebbe essere significativo anche il monitoraggio degli orari notturni. Se normalmente il monitoraggio notturno da esito negativo, alcune connessioni in piena notte significano non solo che la persona ovviamente è sveglia, ma che in alcuni casi potrebbe anche essere fuori casa.
6) Sapere se in un determinato lasso di tempo una persona si collega:
a) Poniamo che una sera non ci sia nessuno stato online per alcune ore (o pochi stati online molto brevi). Mentre di solito la sera ci sono collegamenti frequenti e prolungati. E' possibile che la persona sia impegnata in circostanze dove si presta poca attenzione a WhatsApp (es. cinema?). A volte potrebbe anche significare che la persona è in compagnia proprio con chi solitamente sente via WhatsApp. Ma è altrettanto possibile che la persona sia semplicemente andata a letto presto. Quindi massima prudenza nell'interpretare simili informazioni.
b) Connessioni brevi e abbastanza frequenti. A volte potrebbe significare che la persona è al lavoro, alla guida, a passeggio o comunque si trova in circostanze nelle quali tipicamente si fanno comunicazioni brevi e sintetiche. Naturalmente anche questo è soggetto ad interpretazioni e molto aleatorio.
c) Lunghe connessioni (stati online prolungati). Potrebbe significare che la persona è a casa o comunque non impegnata in altre questioni.

Questo tipo di controllo richiede una certa conoscenza della persona e può dare solo informazioni orientative e soggettive.







Post popolari in questo blog

Signal, potente antidoto contro le intercettazioni telefoniche.

Telefonare in modo sicuro? Non sono necessari sofisticati e costosi sistemi. Basta Signal.
Le intercettazioni telefoniche sono molto più diffuse di quanto si creda. Ci sono varie modalità per intercettare le telefonate, ad esempio: 1) App SpyPhone. Da parecchi anni è la modalità di intercettazione telefonica più diffusa. Un'App nascosta viene installata nel cellulare da controllare. Come già accennato in questo blog, le App Spyphone richiedono la disponibilità fisica del cellulare per essere installate. Le App SpyPhone più sofisticate sono anche in grado di registrare ogni telefonata e di inviare i files delle registrazioni su Cloud. 2) Intercettazioni richieste agli operatori che gestiscono le reti di telefonia fissa o mobile. In Italia le intercettazioni telefoniche devono essere autorizzate dal giudice per le indagini preliminari (GIP) con decreto motivato, su richiesta del pubblico ministero. Nei casi di urgenza è lo stesso pubblico ministero a disporre l'intercettazione con…

Coppie clandestine in tempi di Coronavirus.

Possono essere anche un rischio sanitario?

Luciano Ponzi, presidente dell'associazione italiana investigatori Federpol, recentemente intervistato dall'agenzia di stampa Adnkronos ha dichiarato: Se la maggioranza degli amori clandestini sono sospesi, c’è comunque chi non resiste al distacco fisico e sfida la sorte anche in tempi di Coronavirus“.
E' di pochi giorni fa l'episodio della ragazza ventinovenne di Rimini che si è inventata uno stupro per nascondere al marito una notte trascorsa fuori casa con l’amante pakistano. Nella zona di Roma invece è stato beccato un marito che incontrava l’amante nei pressi di un cimitero (usciti nel cuore della notte mentre la moglie di lui dormiva profondamente perché ubriaca). Per non parlare, sempre secondo Ponzi, di una coppia clandestina nell'ambiente sanitario beccata all'interno di un'ambulanza.
L’amore platonico, al giorno d’oggi, è raro come il quadrifoglio. L'emergenza Coronavirus però costringe le coppie clande…

Password reti WiFi per controllare abitudini e spostamenti.

Attenzione a fornire la password della rete WiFi. Può servire per controllare i nostri movimenti. Tutto inizia con una richiesta: 'Ho poca connessione mi posso collegare un attimo al tuo WiFi?'. Offrire l'accesso WiFi ad un ospite è ormai come offrire un bicchiere d'acqua. Chi risponde di no?  I router WiFi sono diffusissimi, non solo in ambito aziendale ma anche domestico. C'è un trucco che viene sfruttato sempre di più per controllare movimenti e abitudini di una persona tramite le reti WiFi alle quali solitamente si connette in automatico (es. casa e/o lavoro). Sono necessari quattro elementi:
1) Password della rete WiFi.
2) Marca e modello del telefonino della persona controllata.
3) Un'App comeFing Network Tools.
4) Trovarsi entro l'area di copertura della rete WiFi.Ed ecco che amici, parenti, clienti, fornitori, tecnici, manutentori, fidanzati/e, vicini, forze dell'ordine, investigatori, titolari, capi ufficio, stalker, malintenzionati e curiosi posso…